La Maremma

Scarica la Guida Viaggio della Toscana >

Posizionata al confine col Lazio, nella parte meridionale della regione, la Maremma è l’area più selvaggia della Toscana, di cui Dante nella Divina Commedia individuò i confini in Cecina e Corneto, l’attuale Tarquinia.

La Maremma custodisce per molti lo spirito autentico della Toscana, che si respira nella sua verde campagna, così come nei piccoli borghi, rimasti praticamente inalterati dal Medioevo.
Le tracce storiche sono numerose in tutta l’area e vanno ancora più indietro nel tempo, testimoniando la presenza Etrusca, la successiva dominazione Romana e infine il governo degli Aldobrandeschi.
Il centro principale della zona è Grosseto, le cui possenti mura sono il simbolo più evidente della dominazione Medicea.

Mura di Grosseto Cala Violina parco naturale della Maremma


Le aree archeologiche non sono gli unici siti d’interesse della Maremma, che fa della varietà dell’offerta turistica il suo punto forte. Alla complessità del suo territorio, corrisponde infatti un ampio ventaglio di mete turistiche, accomunate dalla genuinità di una destinazione ancora da scoprire.
La Maremma si estende lungo una costa dal mare cristallino che alterna le bellissime spiagge del golfo di Follonica, come Cala Violina, gli stabilimenti balneari di Castiglione della Pescaia e le cale nascoste dell’Argentario.

Per chi cerca una vacanza nella natura, il Parco Naturale della Maremma è una meta da non perdere, con i suoi fitti boschi, le verdi colline e le tipiche zone lacustri, aree molto interessanti  dal punto di vista naturalistico. Come se non bastasse, le sorgenti solforose di Saturnia ti offrono la possibilità di una bella vacanza termale in Maremma.

Per quanto sia una meta ancora estranea ai flussi turistici tradizionali, la Maremma offre anche i servizi e la vita notturna di località come Orbetello, l’Argentario e Punta Ala, nonché le tradizioni e gli itinerari enogastronomici che hanno reso la Toscana famosa in tutto il mondo.

Hotel consigliati: 

 

Scarica la Guida Viaggio della Toscana >